Disturbi del Comportamento Alimentare

 

Se ancora non sei riuscita ad uscire dal vortice dei tuoi problemi alimentari, probabilmente ti senti in balìa di qualcosa che è fuori il tuo controllo e sei sfiduciata all’idea di poter risolvere il problema.

Forse non sai che questo tipo di disturbo è sicuramente complesso, ma superabile con una psicoterapia mirata e specifica!

A volte si comincia con una semplice dieta, altre volte, ci si ritrova in preda ad una sensazione di perdita di controllo dei propri impulsi che porta a cercare, nel rimpinzarsi di cibo una risposta ad un senso di vuoto che sembra incolmabile.

Mangiare troppo o troppo poco, sembra essere diventata una specie di moda del nostro tempo, assumendo a volte forme preoccupanti di disturbi psicopatologici che comportano non poche difficoltà  ad essere affrontati e superati.  Spesso si comincia con una semplice dieta e senza riuscire a capire come ci si ritrova in un vortice che sembra senza via d’uscita, dove le principali occupazioni sono quelle di pesare corpo e cibo nel terrore di aumentare anche solo di un grammo.

Ma esistono tante altre forme, meno definite, ma non meno subdole e devastanti di quelli che vengono definiti Disturbi del Comportamento Alimentare e che stanno diventando compagni di crescita di ragazze e ragazzi, purtroppo, sempre più giovani, ma anche di giovani e adulti. Forme meno eclatanti, come il “piluccare” continuamente qualcosa, o il “consolarsi” con dei dolci, per non sentire fino in fondo un’emozione negativa.

Come faccio a capire se ho un disturbo alimentare?

Non è facile capire da soli se il proprio rapporto con il cibo sta diventando problematico. A volte può darsi che ci siano dei veri e propri indici di rischio, altre volte può darsi che abbiamo delle paure immotivate che ci creano disagio, ma in realtà non c’è un vero e proprio disturbo.

Rivolgersi ad un esperto, anche solo per un colloquio informativo, può aiutare a capire se è il caso di intervenire in modo mirato o se ci stiamo preoccupando eccessivamente.

Quando è meglio chiedere aiuto?

Se invece ti ritrovi in almeno 5 dei seguenti comportamenti, allora può essere importante chiedere aiuto:

  • hai spesso la sensanzione di “perdere il controllo” con il cibo
  • ultimamente sei particolarmente preoccupato per la linea, tanto che se mangi un po’ in più ti senti in colpa, meno interessante, meno in gamba, meno attraente…
  • spesso ti capita che se mangi un p o’ di più eviti di uscire o di incontrare altre persone
  • in alcuni periodi eviti categoricamente di mangiare alcune cose
  • ti capita di alzarti di notte per mangiare
  • tendi a mangiare da solo o a vergognarti/smettere se arriva qualcuno
  • ti capita di controllare ciò che c’è nel tuo piatto, a volte anche separando i pezzetti di cibo.
  • quando riesci a rispettare la dieta, ti senti più in gamba e più adeguato
  • ti accorgi di mangiare anche quando non hai fame.

Questi sono alcuni campanelli d’allarme che, se collegati con altri fattori, possono essere sintomo di un disturbo alimentare.

Cosa devo fare?

E’ consigliabile rivolgerti ad un esperto se sospetti di avere un disturbo alimentare o comunque un rapporto “complesso” con il cibo, almeno per avere un parere.

Per saperne di più o chiedere un colloquio informativo gratuito puoi contattarmi ai seguenti recapiti: